Saucony Xodus 60, Scarpe da Corsa Uomo Multicolore Red/Black Pa Offerta Shop Perfezionare Preordinare

B00YBG264W

Saucony Xodus 6.0, Scarpe da Corsa Uomo Multicolore (Red/Black Pa)

Saucony Xodus 6.0, Scarpe da Corsa Uomo Multicolore (Red/Black Pa)
  • Materiale esterno: Sintetico
  • Fodera: Tessuto
  • Materiale suola: Gomma
  • Chiusura: Stringata
  • Altezza tacco: 1.25 cm
  • Composizione materiale: null
  • Larghezza scarpa: Normale
Saucony Xodus 6.0, Scarpe da Corsa Uomo Multicolore (Red/Black Pa) Saucony Xodus 6.0, Scarpe da Corsa Uomo Multicolore (Red/Black Pa) Saucony Xodus 6.0, Scarpe da Corsa Uomo Multicolore (Red/Black Pa) Saucony Xodus 6.0, Scarpe da Corsa Uomo Multicolore (Red/Black Pa) Saucony Xodus 6.0, Scarpe da Corsa Uomo Multicolore (Red/Black Pa)

Nella capitale Banja Luka, le celebrazioni hanno caratterizzato l’intera giornata del 9 gennaio, con lo scopo di ostentare la presunta dimensione statuale della RS. L’evento clou è stato la parata civile-militare a cui hanno partecipato corpi della polizia armati, veterani di guerra, protezione civile, pompieri, club sportivi, associazioni studentesche, persino i  dipendenti delle Poste .

Ma è ancora prima della parata che è avvenuto l’episodio più controverso. Un’unità dell’esercito statale, il 3º reggimento di fanteria composto da membri della Republika Srpska, ha partecipato alla cerimonia rendendo gli onori a Mladen Ivanić, membro serbo della Presidenza collettiva statale.

Secondo la stampa di Sarajevo, nonché l’insieme dei partiti bosgnacchi e civici, la partecipazione del reggimento è stata una forzatura di Ivanić, senza autorizzazione del ministero della Difesa e all’insaputa degli altri organi statali. Costituirebbe, dicono alcuni, un vero  JiZhi Uomo scarpe / pantofole estate / sandali / ciabatte / antiscivolo / piedi della clip / scarpe da spiaggia / casuali tallone piano / marrone e nero / Walking Black
. Dalla Croazia, la presidente Grabar-Kitarović ha definito la celebrazione come “un falso”, “un mito”, “una provocazione”. Dodik ha risposto invocando la dissoluzione dell’esercito statale e la ricostituzione di quello della RS, anteriore alla riforma dei primi anni Duemila (quest’ultima, comunemente ritenuta uno dei pochi esempi positivi dell’integrazione post-Dayton).